Iniziative:

           
 

zapruder zapruder
abbonamento e arretrati
archivio articoli
questionario
offerta arretrati
manuali di storia
norme redazionali
edizioni Odradek

altre_narrazioni altre narrazioni
documenti
collegamenti
segnalazioni

progetto il progetto
profili soci
aderisci al progetto
join
mailing-list
responsabili
materiali
assemblee
simposio
zapruder world
volantini

carta storie di carta
articoli di carta
newsletter del progetto
dicono di noi









REGALA ZAPRUDER

SIMposio di storia della conflittualità sociale

acquista la borsa di Storie in movimento

segnaliamo:
Associazione italiana storia orale

 

Lo "scioperissimo" del 1919

Tra il 20 e il 21 luglio 1919, in diversi paesi europei migliaia di persone si mobilitarono contro i dettati imposti dal trattato di pace firmato a Versailles dalle potenze vincitrici della prima guerra mondiale e in nome della solidarietà fra i popoli, per la difesa delle rivoluzioni in Russia e Ungheria e contro il sostegno agli eserciti "bianchi" offerto dall'Intesa. Erano stati alcuni dirigenti socialisti e laburisti italiani, francesi e britannici a promuovere l'agitazione. Italia l'iniziativa si concretizzò in uno sciopero generale, che assunse grande rilievo e cadde in un momento critico per la vita del paese, tanto da spingere il governo a modificare aspetti essenziali della politica estera. Ma la capacità di reazione mostrata da Nitti e dalle forze contrarie a uno sciopero definito "politico", la mancata partecipazione di alcune importanti categorie di lavoratori e di alcuni sindacati, l'assenza di una mobilitazione altrettanto significativa in Francia e Gran Bretagna trasformarono quella grande dimostrazione di forza in una sostanziale sconfitta politica per tutti coloro che l'avevano sostenuta.
Con questa immagine fallimentare, ma solo parzialmente vera, la storia dello "scioperissimo" è giunta fino ai giorni nostri, tanto da divenire un tipico esempio degli errori del massimalismo durante il cosiddetto "biennio rosso". In realtà le cose furono assai più complesse.
Rileggendo fonti d'archivio e periodici, memorie e pubblicazioni ufficiali, ci accorgiamo infatti che lo sciopero ebbe un notevole successo nell'Europa centrale e balcanica, oltre che in Italia; in Inghilterra non si scioperò, ma ci furono manifestazioni e in Francia fu proprio in reazione all'annullamento dello sciopero che scoppiarono tumulti annonari.
Per quanto parziale, e ritenuto insoddisfacente dai promotori, quello del 1919 riuscì ad essere il primo sciopero internazionale del "secolo breve", con una mobilitazione politica nelle piazze europee capace di coinvolgere migliaia di persone.

Apparso: 06 febbraio 2003

di Roberto Bianchi. Vedi tutti gli articoli di questo autore.




Mostra tutti gli articoli
 

Manifesto
(in English)
(en Francais)

Iscriviti alla
newsletter

Scrivici

Ricerca nel sito
offerto da FreeFind

Recapito postale:
Storie in Movimento
c/o Archivio Storico della Nuova Sinistra “Marco Pezzi”
C.P. 304
40100 Bologna

 
 
 

©opyright: Storie in Movimento
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto licenza
Creative Commons "Attribution-NonCommercial-ShareAlike 1.0"

CREDITS